domenica 1 settembre 2013

Bentornati!! Ecco la mia "purple" chiffon cake






Ciao e bentornati a tutti!

Spero abbiate trascorso delle belle vacanze, visitato posti nuovi, scoperto nuove ricette o individuato ingredienti sconosciuti e spero vi siate riposati e ricaricati per affrontare al meglio il rientro.
Io sono tornata da pochi giorni con grande malinconia, ma anche con splendidi ricordi, da quella terra magnifica che è l’Africa, i cui colori, suoni e sapori ti catturano a tal punto da capire profondamente coloro che soffrono del famoso "mal d'Africa".
Nei prossimi post avrò sicuramente occasione di raccontarvi questa meravigliosa esperienza, ora devo lasciar sedimentare le emozioni e fare ordine fra foto e ricordi.

Vi avevo salutato con un dolce al cucchiaio ed è proprio dai dolci al cucchiaio che vorrei ripartire, non per proporvi una ricetta, ma per ricordarvi che i mesi di agosto e settembre ospito il Contest “Di cucina in Cucina”, ideato da Barbara di Un giorno senza fretta, che scadrà il 25 settembre.
Se volete ripassare le regole per partecipare al contest vi rimando qui ricordandovi che il tema da me scelto consiste proprio nei “Dolci al cucchiaio gluten free”. (A breve posterò un piccolo vademecum con indicazioni utili per coloro che non si sono mai cimentati nella preparazione di pietanze senza glutine).
Tornando al contest, aspetto le vostre ricette e spero davvero partecipiate in tanti!



Ma ora veniamo alla ricetta di oggi.
Qualche post fa, (cioè qui), vi avevo accennato ad una ricetta che non mi era venuta come mi aspettavo.
Per partecipare al contest di luglio di Colors and Food di Vale e Cinzia, mi ero cimentata nella preparazione di questa Purple Chiffon Cake.
Dopo aver finalmente trovato le patate vitelotte (e non è stato così semplice…), mi sono lanciata nell’esperimento. Sicura che avrei ottenuto una torta viola o almeno lilla; avevo soltanto il timore che la mia torta non lievitasse bene… (e chi utilizza farine senza glutine sa di cosa parlo) o che non risultasse soffice, caratteristica imprescindibile per una vera chiffon cake.
So già che guardando le foto di questo post, vi chiederete dov’è il “purple”. Questa, in effetti, è stata la prima domanda che mi sono posta quando ho tolto la torta dallo stampo.
Il viola, meravigliosamente intenso nell’impasto non ancora cotto, era completamente svanito durante la cottura, trasformandosi in questo grigio spento.
La delusione e l’arrabbiatura per l’esperimento, apparentemente, mal riuscito sono state spazzate via quando mi sono resa conto che l’impasto era lievitato benissimo e che, contro ogni aspettativa, la mia chiffon era alta e soffice.
Quindi eccovi la ricetta, presa da un blog americano che purtroppo non riesco più a rintracciare e ad indicarvi.
Questo sito la proponeva con farina normale, (pertanto chi desiderasse provarla senza le mie farine alternative può sostituirle con uguale ammontare di farina tradizionale).
*Un’ultima precisazione: io ho cotto la torta nell’apposito stampo per chiffon/angel cake, credo che si possano utilizzare anche stampi normali, ricordate soltanto che lo stampo non va unto e infarinato perché al termine della cottura il dolce deve essere capovolto e lasciato raffreddare in questa posizione. Da qualche parte ho letto che, utilizzando uno stampo con il foro centrale (tipo stampo da budino), si può infilare lo stampo capovolto nel collo di una bottiglia, in modo che il dolce si raffreddi senza appiattirsi.

Purple chiffon cake

100 gr di patate vitelotte (cotte a vapore)
3 cucchiai di latte
3 tuorli
20 gr zucchero di canna
50 ml olio di semi di mais
3 cucchiai di acqua
85 gr. di farine senza glutine (50 gr farina di riso, 20 gr fecola di patate 10 gr tapioca, un cucchiaino di gomma xantana)
4 albumi
50 gr zucchero
½ cucchiaino di cremor tartare o 1 cucchiaio di aceto di mele (io ho usato quest’ultimo)

Procedimento:
Cuocete a vapore le patate e frullatele con il latte, finché non otterrete una crema.
Mescolate bene le uova, lo zucchero di canna, l’olio e l’acqua con un pizzico di sale.
Aggiungete al composto le patate frullate continuando a mescolare.
Aggiungere le farine precedentemente miscelate fra loro.
Mescolare finchè il composto non sarà cremoso e privo di grumi.
Se il composto vi risulta troppo duro aggiungete un cucchiaio o due di acqua tiepida, deve risultare denso ma cremoso.
Montare gli albumi, che dovranno essere a temperatura ambiente, quando iniziano a diventare soffici aggiungere lo zucchero e il cremor tartaro (o l’aceto), continuando a montare.
Amalgamare delicatamente gli albumi montati a neve all’impasto.
Versare nello stampo*.
Cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti.



English version:

Ingredients:
100 g purple sweet potato (steam and mashed)
3 tbsp milk
3 egg yolks
20 g brown sugar
pinch of salt
50 ml corn oil
3 tbsp water
85 g mix glutenfree flour (50 gr rice flour, 20 gr potatoes starch, 10 gr tapioca and tsp of xantan gum)
4 egg whites
50 g sugar
1/2 tsp cream of tartar


Method:
Steam sweet potato, add milk to it and mashed till fine or blend it in a blender.
Mix egg yolks, brown sugar, corn oil and water till well blended. Add the potatoes and mix well. Sieve in flour and mixed till smooth and lump-free. If batter is on the dry side, add a tablespoonful of water - some purple sweet potatoes can be quite dry.
Beat egg whites with sugar and cremor of tartar till stiff.
Add egg white mixture gently into egg yolk mixture and mix well with a spatula.
Pour batter into chiffon pan.
Bake at 180C for 30 minutes or till cooked.

20 commenti:

  1. non conoscevo queste patate! chissà se le trovo! sì che bello il vademecum mi servirebbe proprio! grazie mille!! :))

    RispondiElimina
  2. Estetica a parte, è lievitata benissimo! Bentornata! Io parto martedi, ci si rivede in un paio di settimane. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buone vacanze allora, ti aspetto al rientro!

      Elimina
  3. Bentornata! Io direi che la lievitazione è andata proprio a buon fine e la torta ha un bell'aspetto davvero.
    Un abbraccio
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il motto è mai abbattersi e trovare sempre il lato positivo! Un abbraccio.

      Elimina
  4. Ciao Simo, bentornata! Anche noi siamo rientrate da qualche giorno dalla nostra vacanza. La tua cake è fantastica! A presto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh ma voi siete sempre dei tesori! ciao

      Elimina
  5. Risposte
    1. Grazie! I tuoi complimenti mi riempiono sempre di gioia!

      Elimina
  6. Innanzitutto ben tornata! Non vedo l'ora di vedere le foto e scoprire cosa hai fatto! Anch'io le sto mettendo piano piano! Per quanto riguarda il contest domani mi leggo tutto per benino!! E che dire di questa torta, non sarà viola, ma ha tutta l'aria di essere eccezionale! Sai che al compleanno mi hanno regalato lo stampo e non l'ho ancora usato, quasi quasi provo! Poi la cosa della bottiglia m'ispira un sacco! :) Un bacioneeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fede non hai bisogno della bottiglia perché lo stampo ha già dei "piedini" che ti permettono di tenerlo capovolto :)) Baciiii





      Elimina
  7. Adoro questo chiffon cake e adoro il tuo ritorno!!! Ho uno stampo (a ciabellone) utilizzato solo una volta, che peccato direi!!! xD quindi mi sei stata di grande ispirazione stamattina ;)
    A presto cara Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che lo stampo da ciambello vada benissimo, ciao superSimo a presto

      Elimina
  8. Bentornata e che splendida torta x festeggiare il rientro O_O!!! Complimenti!
    L'Africa rimane nel cuore x sempre..i colori, i profumi, l'atmosfera..ti entra dentro per non uscirne mai +..lo capisco perfettamente..
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie zia Consu è un piacere ritrovarti, eh sì l'Africa ti strega..

      Elimina
  9. Belli i piattini a pois... io li ho rosa... ;-)

    RispondiElimina
  10. Sono contenta che tu abbia avuto delle belle vacanze! anche io rientrata da poco, domenica. La tua chiffon cake e' da 10 e lode accidenti ..... Che invidia io non ci provo neanche mi portò dietro la maledizione del " perche non ha levitato?" .....

    RispondiElimina